• Con gli occhi di un bambino etrusco

    Offerta Didattica

Con gli occhi di un bambino etrusco

A chi si rivolge

Scuole Primarie, Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado.


Discipline Coinvolte

Storia, Archeologia, educazione visiva, educazione artistica.


Luogo di Svolgimento dell'Attività

- Lezione frontale alle Necropoli dei Monterozzi di Tarquinia;
- Lezione frontale al Museo Archeologico di Tarquinia;
- Laboratorio sperimentale “il fumetto etrusco”.


Descrizione del Progetto

Il progetto formativo “Con gli occhi di un bambino etrusco” prevede lezioni ludico-sperimentali alle Necropoli e al Museo Archeologico di Tarquinia, seguite da laboratori manuali che prediligono il coinvolgimento dei cinque sensi.

Le lezioni sono finalizzate alla scoperta del patrimonio storico-archeologico dell’antica Etruria e mirano alla formazione di studenti “educati alla salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali”.


Tematica

Si analizzeranno i cicli pittorici di 7 Tombe:

- Tomba dei Giocolieri;
- Tomba del Fior di Loto;
- Tomba delle Leonesse;
- Tomba della Caccia e della Pesca;
- Tomba dei Caronti;
- Tomba 5636;
- Tomba dei Leopardi.

Gli affreschi introducono alla vita quotidiana rivelandone abitudini, aspetti religiosi, socio-politici ed economici.
L’operatore didattico partendo dall’analisi dei cicli pittorici affrescati, spiegherà in modo divertente e giocoso quanto segue:

- il mistero delle origini e la questione della lingua;
- curiosità ed aneddoti;
- villaggi, città e confini geografici dell’antica Etruria;
- attività lavorativa, scambi e rapporti commerciali;
- religione, templi e culto dei morti;
- miti, eroi e leggende;
- cenni di antropologia culturale: aspetto e caratteristiche fisiche;
- costumi, armi ed abbigliamento;
- condizione femminile in Etruria;
- musica, alimentazione e banchetti;
- giochi, cosmesi, cura del corpo e sport;
- l’artigianato e i buccheri, la metallurgia e l’oreficeria;
- i motivi della loro scomparsa.


La Metodologia d'Apprendimento

Le inizative sviluppate nel nostro percorso formativo propongono un modello educativo originale che ha l’obiettivo di sollecitare la curiosità nei confronti della storia, stimolando negli alunni la capacità di osservare ed istituire confronti, di porsi domande e costruire ipotesi.

L’approccio è quello giocoso dell’interazione, della flessibilità dei percorsi, della contestualizzazione nei “luoghi della memoria”. A tal fine, ad ogni bambino e/o adolescente verrà assegnato il nome di un personaggio storico o mitologico.

L’organizzazione delle lezioni fa riferimento all’insegnamento manuale ed olistico di Maria Montessori> e a tecniche ludico-sperimentali incentrate sul “fare”.

L’apprendimento è stimolato dalla curiosità che coinvolge emotivamente lo studente ponendolo nella posizione di apprendere ed interpretare gli indizi storici attraverso l’implicazione dei 5 sensi.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione e offrirti il miglior servizio possibile. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.