Cerveteri, comune a nord di Roma, è uno dei territori più ricchi ed interessanti a livello storico e naturalistico. Conosciuto in tutto il mondo per il suo antico passato, fu il centro della Civiltà Etrusca.

Cerveteri vanta un territorio molto vasto ca va dai Colli Ceriti fino a raggiungere la costa, una location perfetta per gli amanti della natura e delle escursioni che qui possono dedicarsi a piacevoli passeggiate immersi nella macchia mediterranea, ma anche per chi ama il mare, potendo trascorrere rilassanti giornate sotto il caldo sole estivo rinfrescandosi di tando in tanto nelle fresche acque del Mar Tirreno.

I Monti della Tolfa custodiscono boschi ancora selvaggi ed incontaminati. Una location magica in cui la storia, con le tracce lasciate dagli antichi uomini, e la natura, un territorio vulcanico di rocce levigate da piccoli corsi d’acqua, creano un ambiente unico, dove rigogliose cascate e folta vegetazione danno vita a splendide oasi naturali.

In quest’area  le spiagge hanno una singolare particolarità, la sabbia è nera perché ricchissima di ferro. Per la loro unica bellezza, queste spiagge ospitano ogni anno nel periodo estivo molti viaggiatori e vacanzieri.

Ultimi, ma non per importanza, gli eventi tradizionali del territorio di Cerveteri : sfilate di carri allegorici alla fine del mese di Agosto e la storica Sagra dell’Uva e del Vino dei Colli Ceriti, sempre nello stesso periodo.

Si tratta della necropoli più grande di tutto il territorio dell’Etruria ed una delle più importanti di tutta l’area del Mediterraneo. La città dei Morti di Cerveteri vi condurrà nelle antiche case etrusche dove, grazie agli allestimenti multimediali, alle ricostruzioni virtuali, alle proiezioni audiovisive, ai video ed agli effetti sonori e luminosi, avrete la possibilità fare un vero e proprio in un viaggio indietro nel tempo.

Museo Nazionale Cerite di Cerveteri

La celebre “urna degli sposi” e le animazioni tecnologiche “touch on glass” che fanno prendere vita ai reperti. Si tratta infatti di uno dei primi musei al mondo per tecnologia, all’interno dei quale reperti millenari prendoni vita raccontando una storia antichissima.

Museo Nazionale Cerite Cerveteri

Vi trovate a Tarquinia per visitare i due gioielli etruschi, la Necropoli e il Museo Archeologico Nazionale Tarquiniense? Non perdetevi però la città di Tarquinia.

Cuore dell’Etruria meridionale e capitale per gli Etruschi, splendido borgo medievale, area archeologica conosciuta in tutto il mondo e fulcro della vita culturale della Tuscia, Tarquinia si erge imponente su di una rupe dalla quale domina un panorama mozzafiato sul mare della costa tirrenica e sulla valle del fiume Marta.

Tarquinia sorge in posizione strategica, dista infatti solamente 90km da Grosseto e da Roma. La città è, di fatto, una meta turistica ideale per gli amanti della storia, con un patrimonio che copre circa 3000 anni di storia tra reperti archeologici e medievali, ma anche per gli amanti della natura, le spiagge distano infatti pochissimi chilometri, le suggestive campagne, ed i Monti della Tolfa, a pochi chilometri, che offrono una vista meravigliosa sul promontorio del Monte Argentario e l’Isola del Giglio, una delle perle più belle dell’Arcipelago Toscano.

Oltre allo straordinario Museo Archeologico Nazionale Tarquiniense, che ha sede nell’aristocratico Palazzo Vitelleschi, capolavoro dell’architettura gotico-rinascimentale, e all’imperdibile necropoli etrusca che accoglie le tombe dipinte più belle e meglio conservate del mondo antico e testimonia il culto della morte di un popolo affascinante ed enigmatico, uniche nel loro genere e paragonabili solamente a quelle egiziane, passeggiando nel centro della città scoprirete angoli suggestivi, verrete dominati dalle alte torri, percorrerete anguste viuzze che sfociano improvvisamente in ampie piazze dove la facciata di una chiesa fa da scenario, fino ad arrivare ai limiti delle antiche mura urbane a strapiombo sulla roccia, oltre le quali si apre un suggestivo panorama caratterizzato dal confondersi dei colori: il giallo oro dei campi di grano che si intramezza al verde della campagna, le diverse tonalità di marrone dei terreni ondulati che arrivano all’azzurro del mare.

Ai piedi della cittadina, il centro balneare con strutture urbane circondate dal verde offre al visitatore diverse possibilità: dal campeggio all’appartamento, all’albergo.

Le capacità ricettive di Tarquinia sono rinomate in tutta la penisola: le zone residenziali di Marina Velca, di Spinicci, Tarquinia Lido, Sant’Agostino, Riva dei Tarquinii e gli alberghi situati al centro offrono innumerevoli comfort.

Il clima è sempre mite anche in inverno e la calura estiva è mitigata da costanti brezze che rendono favorevoli gli sport della vela e il windsurf. La varietà della struttura geografica rende possibile l’organizzazione di manifestazioni sportive di livello internazionale, di difficile realizzazione altrove, quali gare di triathlon, ciclismo, maratone.

Questa meravigliosa necropoli è considerata la “prima pagina della grande pittura italiana”. Si caratterizza infatti per le sue straordinarie tombe dipinte, decorate con scene figurate che rappresentano cacciatori, pescatori, atleti, danzatori, suonatori e giocolieri. Per questa sua particolarità, è stata riconosciuta nel 2004 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Ospitato a Palazzo Vitelleschi esibisce una collezione straordinaria, che comprende i maestosi “Cavalli Alati”.